Seleziona una pagina

E’ stato uno shock catturare la mia prima carpa con un’esca in plastica. Da sempre appassionato di alimentazione delle carpe, attento ai loro fabbisogni energetici, paranoico con il pH, stavo per mettere tutto in discussione. Perchè la carpa voleva ingerire della plastica?

Voglio raccontarvi come e perchè ho innescato il mio primo chicco di mais finto sull’hair rig. Credo sia stato il 2010 quando Enterprise Tackle (azienda inglese leader nel settore fake baits) è stata importata dall’ allora BestOne. Avevamo tra le mani un vero catalogo di esche in plastica. Un assortimento smisurato: imitazioni di mais, bigattini, pane, carne, gamberetti, caster e altro.

Erano gli anni delle “spugnette”. Personalmente aggiungevo pezzi di spugna alle boilies per alleggerirle. Non che la spugna potesse attirare la carpa, neanche per sogno. Era la boilies che lo faceva, mentre la spugna ne modificava l’assetto. Non c’erano ancora le bilanciate o per lo meno non erano diffuse come oggi.

Tornando al discorso, con la disponibilità dei prodotti Enterprise Tackle abbiamo iniziato col sostituire i boilie stop con chicchi di mais finto. Avevamo in questo modo un doppio beneficio: alleggerimento della boilies e maggior visibilità. Due piccioni con una fava. Il mais finto dava una marcia in più alla presentazione. Inoltre, non dovevamo ritagliare spugna sulla sponda del lago. A questo punto, perchè non usarla?

Ma con tutti quei prodotti di Enterprise Tackle disponibili, ci sembrava riduttivo utilizzare solo il mais. Il catalogo era enorme e volevamo capire di più. Video dopo video, articolo dopo articolo, avevamo notato che i pescatori inglesi innescavano sull’hair rig solo le imitazioni in plastica. Senza null’altro. Panico.

Dovevamo capirne di più’. Com’era possibile catturare carpe con dei pezzi di plastica? Ok, si abbinavano a dei sacchetti di stick mix, ma l’innesco era pur sempre sola plastica. Con l’aiuto di un intero club, abbiamo organizzato un enduro  dove gli iscritti dovevano innescare solo fake bait. Scetticismo prima, stupore dopo. La plastica catturava.

Addirittura l’uso della sola plastica aveva incrementato il numero di catture in gara, se paragonate ad una competizione svoltasi qualche giorno prima. Quello è stato il punto di non ritorno. Avevamo metabolizzato la lezione: l’esca in plastica catturava carpe. Importava poco il perchè.

Sono passati circa dieci anni e tutt’ora, la maggior parte dei carpisti che conosco, ha difficoltà ad innescare le imitazioni plastica. Tra l’altro, abbiamo potuto constatare anche l’efficacia delle fake baits nel method feeder. Pazzesco.

Un’idea sul perchè la plastica abbia successo me la sono fatta e, sinceramente, ora non mi appare poi così strano. ll ragionamento è questo. Sappiamo che la carpa ci vede bene, molto bene. L’imitazione in plastica attira la carpa, la quale, volendo accertarsi che quella “cosa lì” sia buona da mangiare e non avendo le mani, la mette in bocca. Troppo tardi. Il danno è fatto. Biiiiiiiip!

Sicuramente qualcuno avrà pensato: ma se innesco una pop-up non è la stessa cosa? Certo. Considero le pop-up delle fake baits a tutti gli effetti. Attraggono le carpe con la forma e il colore, infine con il flavours, quindi… Dovremmo escludere dalla categoria solo le pop-up in sughero. Quest’ultime contengono vero mix che, ad ogni modo, scambia sostanze chimiche in acqua.

Ok? Bene, torniamo alla plastica. Vediamo quali sono i 5 motivi che rendono le esche in plastica così catturanti:

  1. Galleggiabilità eterna
    Rispetto alle pop-up, specialmente quelle di qualche anno fà, l’esca in plastica può essere bucata e inzuppata senza problemi. La galleggiabilità non varia di una virgola. Una sicurezza. Tra l’altro ora troviamo in negozio anche le esche in plastica bilanciate che, a mio avviso, sono ancora più facili da utilizzare.
  2. Viva i colori e le forme
    Trovate in commercio esche in plastica di tutti i colori e di tutte le forme. La scelta è quasi imbarazzante. Colori pastello, fluo, fluorescenti. Imitazioni di vermi, mais, crostacei, pellet, bigattini, per zig rig. Fate le vostre considerazioni e sapete che potete contare su un catalogo enorme.
  3. Vade retro crostaceo
    L’esca in plastica ha il vantaggio di non attirare i crostacei. L’assenza di farine e aromi le rende indifferenti agli artropodi. Mi è capitato piu’ di una volta di innescare una tigernuts finta, in presenza di gamberi. Era l’unico modo per rimanere in pesca.
  4. Flavoured e unflavoured
    Pescare con la plastica aromatizzata è un po come barare. Lo fà chi ancora non ha piena fiducia nel prodotto. Il vero uomo usa la plastica senza odore. Scherzi a parte, utilizzare gli “unflavoured” è spesso più catturante. La totale assenza di odore evita che la carpa possa associare qualche molecola conosciuta al pericolo. Uno stratagemma che in pochissimi usano. Se ci pensate, è come innescare le tigernuts. “Eh Vale, ma le tigernuts sono naturali”. Certo, perchè le tigernuts nascono sul fondo dei laghi, come no.
  5. Acido Benzoico
    Questa è una teoria che ho letto sul libro “Carp, Bait and Nutritional Recognition” scritto da Tim Paisley. Tim parte dall’assunzione che la materia plastica con cui sono prodotte le imitazioni, contiene Acido Benzoico. Questo stesso acido è presente nei mirtilli. Teoria molto affascinante, che da al mais finto unflavoured una valenza flavoured. La carpa, in pratica, potrebbe percepire le molecole di acido benzoico delle esche in plastica. Interessante, ma non decisivo.

Una cosa e’ certa. Le esche in plastica ci fanno catturare carpe. Ci aiutano con la galleggiabilità e ci difendono dai gamberi. Sono ottime per controbilanciare le esche affondanti e sono stratosferiche se usate a zig rig.

Non sto dicendo che dovete buttare via le vostre boilies. Sicuramente non costa nulla averne in borsa una scelta di diverse misure e colori. Non ammuffiscono mica. Rimane il dato di fatto che, una volta sull’hair rig, fanno il loro dovere.

Good Vibes!

Valentino D’Intino

BENVENUTO!

Stai per accedere gratis alla nostra newsletter.

 

Al suo interno troverai i segreti e le strategie che tutti custodiscono gelosamente come “la ricetta personale” del loro successo.

Inoltre, potrai ricevere in esclusiva le nuove offerte dedicate solo a chi è iscritto a questo canale.

La tua iscrizione è andata a buon fine!